La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

lunedì 4 febbraio 2013

Sul Carnevale...




Cappellino giallo col risvolto nero. Casacca gialla. Salopette rossa. Colletto bianco e fiocco blu. Calzettoni neri.
Il carro dell’asilo quest’anno aveva come tema Pinocchio. E così tutti, bambini e genitori, vestiti come il burattino disneyano.
Alcuni papà pieni, davvero, di tanta buona volontà, si sono trovati ad allestire il carro che, effettivamente è venuto proprio bene. Una sarta ha confezionato, ovviamente dietro lauto compenso, i vestiti per tutti.
E ieri il debutto, alla sfilata dei carri del paese.
Peccato che a dei bambini così piccoli poco interessi della sfilata, della gara, del sindaco. E che una volta visto il trattore, essere saliti sul carro, aver lanciato un po’ di coriandoli, sarebbero anche tornati a casa.
E peccato che le mamme, salite sul carro unicamente per accompagnare i figli e non certo per smania di protagonismo, una volta arrivate nella piazza centrale non ne potevano già più.
E peccato che i fratellini, vestiti anche loro per solidarietà, che dormivano sul passeggino, dentro di loro si chiedessero che fine aveva fatto il loro lettino.
E così se qualcuno si fosse trovato per caso in piazza ieri pomeriggio e avesse buttato l’occhio al carro delle Scuole Materne, avrebbe visto tanti Pinocchi bassi e altrettanti alti. E tra un coriandolo e l’altro avrebbe notato che tutti i Pinocchi, alti e bassi, avevano in comune la stessa eloquente espressione sul viso, un’espressione il cui significato non troppo recondito era: Ma quando c@@@@ finisce?!?!?!

6 commenti:

  1. Oh che ridere!!!! Bello però!!! Il carro e' venuto veramente bene!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente secondo me era il migliore, tra i 17 in gara...

      Elimina
  2. Davvero, i complimenti ai papà che hanno creato questo bellissimo carro!

    RispondiElimina
  3. Ahahah! A dire il vero i miei la stessa espressione ce l'hanno anche sulle macchinette a gettone del supermercato. Tanto che io mi chiedo PERCHE' CI VOGLIONO SEMPRE ANDARE se poi non fanno manco un sorriso?!!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso che mi ci fai pensare...hai proprio ragione, l'espressione è la stessa!

      Elimina