La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

lunedì 20 agosto 2012

Cose che accadono in estate


Checco ha (quasi) definitivamente tolto il pannolino. Almeno per la pipì. Per l’altra cosa ci stiamo lavorando, l’importante è che non se la fa addosso.

Paio è emerso con un caratterino ribelle, anarchico e provocatore, un tantino testolina di cazzo, oserei dire. E’ che è talmente bello che quando ne combina una e poi ti guarda con quel faccino da piccolo adorabile teppista, non riesci a non ridere.

Checco parla come un adulto, usa un lessico più ricco di quello di molti calciatori, usa i verbi nella forma e nel tempo appropriati, costruisce frasi molto complesse. In più è un abilissimo affabulatore: si inventa storie assurde e te le racconta come se fossero accadute a lui giusto il giorno prima. Devo preoccuparmi?

Anche Paio parla, un pochino. La sua parola preferita è Pappa, manco a dirlo. Già perché il Paio, soprattutto, mangia. Di tutto, a qualsiasi ora e in dosi da adolescente.

MaschioAlfa sta seriamente valutando l’idea di un terzo figlio. Un po’ anch’io. Ma anche no.

La famiglia Piselloni è partita, e tornata sana e salva, per un viaggio all’estero. Non vedo l’ora di organizzare il prossimo.

I coniugi Piselloni stanno apportando alcune modifiche all’umile abitazione in cui risiedono, abitazione che da provvisoria si è trasformata in definitiva. Ragion per cui nelle prossime settimane saranno alle prese con camerette per bambini, vernici, rulli e pennelli, quadri e cornici, librerie. L’aspetto positivo è che sarà indispensabile ed improrogabile un viaggio all’ikea.

MaschioAlfa ha pulito gli interni di entrambe le autovetture.

Nel mese di agosto la sottoscritta è stata praticamente sempre in ferie, condizione a cui si sta, purtroppo, abituando. Ritornare in ufficio sarà un trauma. Potrei valutare l’idea di un terzo figlio per stare a casa qualche mese. Anche no.

Ancora la sottoscritta è tornata dalla Svezia con tre, e dico tre, chili in più, concentrati essenzialmente in zona centrale. Urgono provvedimenti.

Come contributo alla soluzione del problema di cui sopra, MaschioAlfa ha acquistato, come regalo di compleanno alla moglie, un super tecnologica city bike, per cui la suddetta moglie, che poi sarei io, sta riprendendo l’arte della bicicletta abbandonata una ventina d’anni fa. Gli automobilisti della mia zona sono avvisati.

Nessun commento:

Posta un commento