La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

martedì 8 ottobre 2013

Ho letto: Alla fine di un'infanzia felice


Alla fine di un'infanzia felice

Raramente leggo autori italiani. Trovo che siano troppo “provinciali”, troppo campanilisti, e che manchino, quindi, di quel respiro internazionale che caratterizza, per esempio, gli scrittori americani in primis, ma anche gli anglosassoni e i nordeuropei.
Questo però mi incuriosiva. L’ho preso in biblioteca e la sua lettura non ha deluso le mie aspettative.
Al di là dello stile, molto ricercato ma nello stesso tempo di facile comprensione, quello che mi ha catturato è stata soprattutto l’originalità della trama. La storia parte descrivendo Guido, un professore friulano, collaboratore di una casa editrice, che riceve un manoscritto da vagliare per la pubblicazione. L’autore è un certo Sergio Casagrande che Guido ricorda essere un amico d’infanzia.
Un po’ scocciato inizia la lettura. Il manoscritto è diviso in tre sezioni. La prima racconta alcuni episodi dell’infanzia dei due episodi nei quali Guido si riconosce. La seconda cambia totalmente tono e narra di un tradimento e di una torbida storia d’amore. La terza parte riporta al presente descrive con impressionante precisione alcuni aspetti della vita di Guido, dimostrando come Sergio, l’autore del manoscritto si stia lentamente e subdolamente intrufolando nella sua vita. A questo punto il confine tra realtà e finzione si assottiglia sempre di più…

4 commenti:

  1. Ma e' un giallo? Mi hai incuriosito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è un giallo, nel senso che non c'è il morto. Però la suspence e il mistero ci sono eccome.

      Elimina
  2. ...e l'invidia. Perché io, che ero una divoratrice di carta, non vedo un libro da 14 mesi. Che amarezza! Forse dovrei ricominciare a riservarmi uno spazio per leggere di nuovo. Mi hai anche incuriosita, ho origini friulane :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parlarmene...Prima dei bambini leggevo 50-60 libri all'anno. Adesso se arrivo a 15 sono brava. Trovare lo spazio è esattamente il problema... Poi magari arriva un libro di quelli che proprio non riesci a smettere di leggere e allora approfitti anche di 15 minuti di Peppa Pig o di 5 minuti di bagnetto per divorare qualche pagina...

      Elimina