La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

martedì 24 settembre 2013

Il viaggione a Barcellona



"Alloggeremo in un appartamentino in affitto e per 10 giorni vivremo là, a Barcellona, un po’ turisti un po’ no, ma sempre noi quattro, in giro per una città straniera che faremo il possibile per chiamare “casa”, almeno per un po’". 

Così scrivevo il 3 luglio nel post di presentazione delle nostre vacanze.

A più di due mesi dal ritorno posso proprio dire che ci siamo riusciti…

Merito del nostro bellissimo appartamento, fornito di tutto il necessario, elettrodomestici, stoviglie, bagnoschiuma, candele profumate, dei padroni di casa gentilissimi che ci hanno cambiato tutti gli asciugamani, le lenzuola e i canovacci a metà soggiorno, quasi meglio che a casa nostra…


Merito del barrio (quartiere) di Gracia, in cui abbiamo alloggiato, lontano dalla Rambla, dalla Sagrada Familia, dal flusso dei turisti, ma proprio per questo così autentico, vero, e soprattutto vivo.
Un quartiere meta degli studenti Erasmus, e quindi pieno di ristorantini etnici, di centri culturali, di biblioteche, di scuole di ballo.
Un quartiere giovane, scelto dalle famiglie per la sua tranquillità, con minimarket ad ogni angolo, con un grande e coloratissimo mercato al coperto dove ogni mattina scendevamo a comprare il pane e il chorizo.
Un quartiere spagnolo, dove c’è vita ad ogni ora del giorno e della notte, dove si esce sempre e comunque, anche solo per quattro passi, dove anche a tarda sera trovi intere famiglie con bambini di tutte le età a divertirsi in piazza, gli adulti a bere mojito, i piccoli a scorrazzare liberi o giocare al parco giochi (ce n’è uno praticamente in ogni piazzetta…).


Merito della mentalità spagnola, forse più libera, più tranquilla, più scialla della nostra. E quindi, lasciatamelo dire, più a misura di bambino. Nessuno si fa problemi a portare i figli al ristorante, perché sanno per certo che ci troveranno altre famiglie. Nessuno si fa problemi se il figlio urla, o piange, perché nella stessa sera altri bambini urleranno e piangeranno, che male c’è.
Magari non sono così organizzati come ad esempio in Svezia, magari non ci sono i fasciatoi in tutti i bagni, o i seggioloni al bar. Ma i bambini sono i benvenuti, ovunque. Entrano gratis dappertutto, tanto per dire.
E poi trovi un parco giochi come questo.
 Una vasta area recintata all’interno dello splendido Parc de la Ciutadela. Giochi di ogni genere messi lì, a disposizione dei bambini, liberi di farci l’uso che meglio credono, animatrici che organizzano una piccola ludoteca, insomma, un paradiso…
 
Merito di Barcellona, una città che è davvero bella, e merito di un tale Anton Gaudì, che con il suo genio creativo ed eccentrico l’ha resa unica.



Merito loro, dei miei fantastici bambini, che da piccoli grandi viaggiatori si sono adattati a tutto.

Alla metropolitana

Al cibo locale (no, dico, i churros con la cioccolata calda non sono da orgasmo?!?!?!?!)

Ai musei

Alla vita all’aria aperta


E anche un po’ merito nostro, che abbiamo capito che guardare il mondo con gli occhi di un bambino è come colorarlo di meraviglia, e di magia.

Direi che un mojito ce lo siamo meritato, o no?

19 commenti:

  1. ve lo siete meritato tutto! bellissima vacanza! la spagna con i bambini è peretta, così attrezzata e ricca di cose da fare e vedere anche a misura loro! e sicuramente molto scialla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che loro se la ricordano ancora e ogni tanto ne parlano e vorrebbero tornarci. Anche noi....

      Elimina
  2. Ecco, viaggiare con i bimbi ti ricorda cosa significa vedere il mondo con il loro entusiasmo ed è davvero fantastico.
    Per il resto leggendo della mentalità spagnola, mi è arrivato un brivido lungo la schiena, un brivido di emozione, mai potrò dimenticare quanto sia stata bene quei due anni e quanto mi brucia non aver avuto lì i miei nani, quante cose sarebbero state diverse...

    RispondiElimina
  3. bellissimo. complimenti un bellissimo modo di trascorrere le vacanze , con e tra le gente del luogo. gli spagnoli sono fortissimi e Gracia è un posto mitico (io ci sono andata solo una sera ma è il posto che mi piace di più a Barcellona). ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te questo complimento mi fa un piacere immenso!

      Elimina
  4. Uh che bello, mi fai venire una struggente voglia di viaggiare!!! Ho adorato Barcellona...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche noi, tutti e quattro l'abbiamo adorata...
      Ma voi siete in Germania! Il viaggio più impegnativo mi sa che lo state facendo voi...

      Elimina
  5. ... assolutamente mi devi dare i riferimenti per l'appartamento...
    complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è il link nel post precedente. Fidati, è fantastico!

      Elimina
  6. come hai letto...anche noi adoriamo viaggiare con i bambini...dal tuo racconto tarspare un 'energia bellissima e so che in paret è quella che regalano così spontanemante i bambini!!!
    bravi che bel viaggione:)

    RispondiElimina
  7. Barcellona e la Spagna in generale sono meravigliose, davvero! I churros con la cioccalata da svenimento, i tuoi bambini bravi piccoli viaggiatori e voi stupendi adulti con gli occhi sgranati dei bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A rileggere il post e a rivedere le foto mi è venuta una nostalgia che non ti dico... Anche ai bambini manca un po' Barcellona!

      Elimina
  8. Oh, che bello!
    Ad averlo letto prima, questo post...:-)
    Io qui ci vivo da due mesi, e sì, è tutto così e anche meglio.
    E Gracia è un quartiere fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivi a Barcellona?!?!?! Caspita, ti invidio da morire.
      Con mio marito riflettevamo proprio sul fatto che è una città da viverci...

      Elimina
    2. Sì, per ora studio, ma sto pensando di restare.
      Ogni giorno questa città ti entra nelle ossa senza che tu te ne accorga. All'inizio è stato difficile, ma ora più penso al ritorno e più mi prende l'ansia.
      La qualità della vita è più che buona, credo che per una famiglia sia l'ideale.
      Se aveste la possibilità... perché non pensarci?
      Gli italiani che ho conosciuto che hanno cambiato vita (e che non tornerebbero indietro) sono tanti.

      Elimina