La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

venerdì 7 dicembre 2012

Cartella clinica di un vecchio televisore. Parte seconda

Sembra fosse solo un transistor (ma che, se magna?).
Oggi l'elettricista ritorna e ce lo cambia.

La famiglia Piselloni è comunque riuscita a superare indenne un'altra intera giornata senza televisione.

Anche perché esistono tragedie ben peggiori dell'essere senza TV.
Per esempio tragedia peggiore è quando ti si ammala il bambino. Ma non quello di tre anni che va alla scuola materna. Non quello di 20 mesi che va al nido. Ma quello di 37 anni coi capelli grigi che è professore in un liceo e che sembra essere ricettacolo di ogni bacillo infetto che gira nelle sue aule.

Allora sì che sono cazzi.
Non tanto perché ieri se ne è rimasto a letto tutto il pomeriggio lasciandomi da sola a gestire l'elettricista e contemporaneamente i due mostriciattoli in stato di iper eccitazione.
Non tanto perché ieri sera è filato a letto subito dopo cena lasciandomi da sola a sparecchiare e buttare le immondizie (ed io ODIO buttare le immondizie).
Ma perché, come tutti gli XY, ha passato l'intero pomeriggio e l'intera serata a lamentarsi e a lagnarsi e a imprecare contro l'avverso destino che gli ha scaricato addosso un altro virus.

Per fortuna oggi sembra stare meglio. Se a questo aggiungiamo il fatto che forse stasera riavremo la televisione, ed in più è venerdì, ecco, mi basta poco per essere felice...

15 commenti:

  1. Io lo dico sempre che gli uomini servono a pochino... e l'unico loro vero compito è buttare la spazzatura!
    Quello deve essere il minimo sindacale. Aspettiamo che gli passi questa gravissimissima influenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero Lui dovrebbe anche fare il bagno ai pupi. Siccome ieri era ko e io non ne avevo nessuna voglia...i bambini sono andati a letto senza lavarsi. Ma non diciamolo in giro...

      Elimina
  2. Oh signor, ti capisco eccome!! Ci sono appena passata col mio terzo figlio, quello proprio di 37 anni come il tuo! :)
    Ed il bello é che quando nei giorni seguenti avevo i suoi stessi sintomi iniziali, io ovviamente mica mi sono potuta mettere a letto o sul divano come aveva fatto lui!
    Figuriamoci!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo! Potremo mai, noi, permetterci di passare a letto un intero pomeriggio?

      Elimina
  3. che ce vuoi fà....sono uomini! :)

    RispondiElimina
  4. solidarizzo.. pure il mio ieri e oggi.. uguale!

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Grazie! Comunque è passata. Stamattina è tornato al lavoro e oggi pomeriggio mi porta a fare shopping natalizio. Direi che si è fatto perdonare...

      Elimina
  6. Il mio una volta aveva 37º e stava buttato sul divano mezzo moribondo...peccato che io avessi 39º e stessi facendo i lavori di casa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no..scherzi? Sarà stato il termometro rotto! Non aveva 37, aveva 40!

      Elimina
  7. Ciao! Se ti va di partecipare ai miei contest "Raccontami una storia" e "Raccontami una ricetta", ti aspetto sul mio blog: http://ilmondodascoprire.blogspot.it/2012/12/contest-raccontami-una-storia.html
    http://ilmondodascoprire.blogspot.it/2012/12/contest-raccontami-una-ricetta.html
    Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! con le storie non sono molto brava, ma ci provo con la ricetta!

      Elimina
  8. Fantastico leggo il tuo post e rivedo la scena anche a casa mia! Chissà perchè quando hanno un malessere i papà sembra che sia caduto un asteroide in casa ma quando stiamo male noi...neanche se ne accorgono! :-D
    Uomini...aaah...se penso che mio figlio è maschio..!!! :-D
    ciao Marinella

    RispondiElimina