La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

domenica 27 gennaio 2013

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che tovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetelele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi. 
Primo Levi

2 commenti:

  1. Quanta sofferenza in questo periodo della storia....che nessuno dimentichi.

    RispondiElimina
  2. Ogni volta che rileggo queste righe di Primo Levi mi viene un groppo in gola. Poi guardo mia figlia di 5 anni e mi dico che quando la sua generazione sarà più grande non ci sarà più nessuno dei sopravvissuti a raccontare quello che è successo. E capisco quale responsabilità abbiamo.

    RispondiElimina