La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

giovedì 14 marzo 2013

FRANCESCO

"Checco, vieni a vedere il papa nuovo si chiama come te!"
"Sì, va bene, adesso devo fare la cacca".

"Paio, guarda, il papa nuovo!"
"Sì!! Evviva! E' Tatae! (Babbo Natale, ndr)

Così, mentre i due piccoli blasfemi distruggevano la cameretta, il nuovo papa proferiva le sue prime meravigliose parole.

Per chi è credente e per chi, come noi, è legato alla figura del "poverello di Assisi", un pontefice che si chiama Francesco è segno di qualcosa che, forse, finalmente sta cambiando.

9 commenti:

  1. Francesco da noi è il nome dello zio londinese... non ti dico... alla fine è diventato papa Chiecco.
    Anche io penso che un papa che si chiami francesco significhi qualcosa. Nonostante le accuse da destra e sinistra che gli stanno già arrivando, alcune fondate altre proprio no.

    RispondiElimina
  2. Che volete, la polemica in Italia è sempre presente. Io non sono credente ma anche a me il nome scelto dal papa pare un bel segno di incoraggiamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non sapevo delle polemiche. E ti pareva...

      Elimina
  3. ... dai che davvero un po' di luce comincia a vedersi!

    RispondiElimina
  4. Non sai quanto mi sono emozionata nel sentire Francesco. Sarà che Assisi la vedo in tutto il suo splendore, dalle mie finestre, sarà che da sempre qui, respiro un'atmosfera magica, che c'è bisogno di cambiamenti, ma al pensiero ho ancora i brividi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino l'emozione per chi in Umbria, terra di San Francesco, ci vive.
      Noi siamo stati sposati da un frate francescano, nostro amico, e il nostro primo figlio si chiama così grazie a lui. Ieri sono andata a letto col sorriso...

      Elimina
  5. E' la stessa cosa che ho pensato io!
    PS: anche la mia nana urlava cacca mentre aspettavamo uscisse alla finestra!

    RispondiElimina