La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

giovedì 20 settembre 2012

Nati per leggere?



Amare la lettura attraverso un gesto d'amore: un adulto che legge una storia.
Ogni bambino ha diritto ad essere protetto non solo dalla malattia e dalla violenza ma anche dalla mancanza di adeguate occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo. Questo è il cuore di Nati per Leggere. Dal 1999, il progetto ha l'obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Recenti ricerche scientifiche dimostrano come il leggere ad alta voce, con una certa continuità, ai bambini in età prescolare abbia una positiva influenza sia dal punto di vista relazionale (è una opportunità di relazione tra bambino e genitori), che cognitivo (si sviluppano meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura). Inoltre si consolida nel bambino l'abitudine a leggere che si protrae nelle età successive grazie all'approccio precoce legato alla relazione.

Questa è la presentazione, tratta dal sito internet, del progetto Nati per Leggere che, personalmente, adoro e sostengo.
Io e MaschioAlfa amiamo leggere alla follia. La nostra casa è, praticamente, un’unica, grande e caotica libreria. Sin da quando Checco era piccolissimo, ho acquistato per lui ogni genere di libro, cartonato, carezzabile, morbidoso, con animali, bambini o, soprattutto, camion e ruspe, di ogni forma e dimensione.
Ho perseverato nel sedermi sul divano con lui e leggere, o anche solo semplicemente ad indicare il nome delle figure del libro.
Finché c’era solo lui andava tutto bene, come da manuale.
Poi è arrivato il Paio, viso d’angelo, riccioli biondi, e caratterino da piccolo criminale.

Questo è uno scenario-tipo di “mamma che legge ai suoi bambini”:

Io e Checco siamo pacificamente seduti sul divano. Arriva il Paio, trotterella verso la pila di libri accatastata sopra la panca e, sistematicamente, li scaglia a terra uno per uno. Una volta ricoperto per bene il pavimento con i suddetti libri, ci cammina sopra alla ricerca di quello che vuole leggere. In genere l’eletto è un volumone sugli animali della fattoria di circa 3 kg; quindi, con enorme fatica, sovente dandoselo sui piedi, trascina il libro verso di me.
Impietosita da tanto sforzo profuso pur di leggere, prendo il libro e me lo metto sulle ginocchia, prendo il Paio e lo siedo accanto a me sul divano, e inizio a leggere.
A questo punto Checco, risvegliatasi in lui la mai sopita gelosia fraterna, pretende di leggere insieme a noi, indi per cui si apposta all’altro lato della mamma lettrice.
Per circa 15 secondi mi illudo di vivere un momento idilliaco mamma-figli-divani-libro. Già mi illudo.
Perché qui comincia la guerra. Paio, esimio esempio di pazienza, gira le pagine al ritmo di una al secondo, alla ricerca dei suoi animali preferiti. Cerca il pulcino, lo vede, lo indica, imita il verso e poi via, si cambia. Cerca lo scoiattolo, lo vede, lo indica, imita il verso e poi via, si cambia. E avanti così.
Checco, ovviamente si arrabbia, volendo, da bimbo riflessivo com’è, soffermarsi un po’ di più su ogni singola pagina, magari ascoltando anche la storia che viene abbinata ad ogni animale. E poi, ovviamente, i SUOI animali preferiti sono altri. Quindi cerca di impedire al fratello di voltar pagina, prima sovrapponendo semplicemente la mano, poi picchiando il libro, infine picchiando il fratello. Paio reagisce e picchia Checco con il primo oggetto che gli capita a tiro. Checco morde il paffuto braccetto del fratellino. Paio piange. Checco piange e scaglia il libro a terra.
La mamma, ormai ex, lettrice, si alza, prende il libro, lo ripone a scaffale, accende la televisione e pone fine allo sforzo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni.

3 commenti:

  1. Ecco una buona risposta alla domanda della mia vita. Per cosa sono nata? Leggere ad oltranza, nutrirsi, ruminare, diventare ciò che hai letto e poi... produrre nuovo latte che qualcun altro considererà il prosismo cibo dell'anima. Bello trovare il tuo blog, il post si legge d'un fiato. Tornerò, xo

    RispondiElimina
  2. Consolati... poi sarà pure peggio! ahahahah!
    Leggere a tutti e due insieme è ancora impossibile per noi (2,5 e 4,5 anni).
    Verranno tempi migliori! ;)

    RispondiElimina
  3. Mi chiedo se cambierebbe qualcosa se fossero due femmine

    RispondiElimina