La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

mercoledì 19 settembre 2012

Voio mia mama



Dopo la prima, tranquilla, settimana di inserimento, il Paio ha deciso che a lui l’asilo nido non piace.
Venerdì scorso lo vado a prendere e appena mi vede mi si attacca addosso stile cozze e non mi lascia più. Il pomeriggio MaschioAlfa porta entrambi i bimbi a fare una passeggiata in montagna, ma è costretto a tornare a casa prima del previsto, causa mammite del secondogenito.
A tal punto il piccolo Oliver Twist voleva la mamma da pronunciare, alla tenera età di 18 mesi, la sua prima frase completa: Voio mia mama. Ripetuto fino allo sfinimento.
Il fine settimana è stato un voio mia mama ininterrotto. E lunedì, appena arrivati al nido, urla disperate. Martedì idem con patate. Stamattina qualcosina meglio.
Poi si calma, lo so. Appena vede i bimbi, e i giocattoli, si calma, e quando lo vado a prendere lo trovo tranquillo e pacifico. Ma porca miseria che strazio la mattina!

C’è comunque un momento in qui il Paio si calma del tutto e non pensa più alla mama: il PRANZO. Mangia tutto, fa il bis di tutto, non solo. A mezzogiorno il nonno lo va a prendere (all’asilo si pranza alle 11), lo porta a casa in tempo per il loro pranzo. E lui, ovviamente, mangia di nuovo.

Con questo chiudo la serie  di post sull'inserimento dei bimbi all'asilo. Promesso.

Nessun commento:

Posta un commento