La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

mercoledì 17 ottobre 2012

To my 15-year-old self



L’11 ottobre (non lo sapevo) è stata la Giornata Internazionale della Ragazza. Su cnn.com hanno chiesto a varie donne di successo di rispondere alla seguente domanda: "Quale consiglio dareste a te stessa a 15 anni?"
Questo è quello che direi io.

Vai, abbraccia la nonna e dille che le vuoi un bene dell’anima. Ancora non lo sai, ma fra un po’ non ci sarà più.
Non cercare continuamente l’approvazione dei tuoi genitori, ribellati, sbaglia. Loro ti ameranno comunque.
Esci di casa più che puoi. Soprattutto allontanati dall’insulso, bigotto, chiuso e provinciale paesotto in cui vivi e spostati in città, per quanto ti è possibile.
Lascia perdere l’Azione Cattolica, le persone che incontrerai lì non saranno mai tue amiche.
D’estate chiedi a tuoi di farti fare un corso di lingua all’estero.
Fregatene degli stronzi dei tuoi compagni di classe. Saranno bocciati alla fine del secondo anno e non li rivedrai MAI PIU’.
Legati pure alla tua compagna A., ma non affezionartici troppo e, soprattutto, cerca di ampliare la tua cerchia di amicizie. A. ti tradirà e tu ci resterai malissimo.
Non aspettare il quarto anno di liceo per iscriverti ad un corso di teatro. Cercane uno e buttati!
Non aver paura di usare il motorino.
Non piangere, l’amore della tua vita c’è, e ti sta aspettando. Tu però, nel frattempo, divertiti.
Quando ti immagini mamma, lascia perdere il nome Martina, perché tanto avrai due maschi.
Soprattutto, stai tranquilla, andrà tutto bene, avrai una vita felice, più di quello che immagini.

3 commenti:

  1. Che bello questo post!
    E quella del nome Martina mi ha fatto troppo ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra l'altro, se avessi adesso una bambina, non le metterei mai il nome Martina, ma da ragazza mi piaceva troppo...

      Elimina