La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

mercoledì 24 ottobre 2012

La masochista



La masochista che è in me ieri sera ha pensato bene di non crollare sfinita sul divano appena messi a letto i bambini, come accade praticamente tutte le sere.
La masochista che è in me ha pensato bene di non andare avanti a leggere un bellissimo romanzo islandese cominciato in pausa pranzo.
La masochista che è in me ha ignorato il fatto che su Rete 4 dessero “Gli intoccabili”, un film strepitoso visto un milione di volte ma sempre degno di un’altra.
La masochista che è in me ha voluto a tutti i costi mettersi a guardare il film su Rai Movie, “La vittoria di Luke – the 5th quarter”, che narrava la storia vera di un ragazzo di 15 anni morto in un incidente stradale e delle reazioni della sua famiglia, in particolar modo di uno dei fratelli che, per onorare la sua memoria, diventa una stella del football.
La masochista che è in me ha cominciato ad immedesimarsi nella madre che perde un figlio ed il solo pensiero di perdere uno dei suoi ha cominciato a dilaniarle l’anima e a toglierle il respiro.
La masochista che è in me ha pianto ininterrottamente dalle 21.15 alle 23.00, quando è finito il film.
La masochista che è in me una volta a letto, mentre suo marito ronfava beato, ha cominciato a vedere immagini di bambini, non necessariamente suoi figli, che stavano male o che soffrivano o che morivano.
La masochista che è in me ha ricominciato a perdere litri di acqua dagli occhi.
La masochista che è in me per addormentarsi ha dovuto costringersi a pensare alla presidenziali USA e alla gravidanza di Belen.
La masochista che è in me si è svegliata stamattina con due occhi che, nonostante un disperato e fallimentare tentativo di coprirli col trucco, sembrano quelli di un pugile finito ko.
La masochista che è in me mentre scrive questo post ha gli occhi che pizzicano e non vede l’ora di finirlo.
La masochista che è in me chiede a chiunque voglia leggere questo post di dirle se è normale che, una volta diventate mamme, ci si rincoglionisca in questo modo.

16 commenti:

  1. si, è normalissimo, e se non lo è ti faccio compagnia nella stranezza!

    RispondiElimina
  2. Non è rincoglionimento.....è AMORE!!!! .....si è' normale e bello!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che spesso mi spaventa la potenza di questo amore, perché non posso immaginare di dovervi rinunciare, non so se sopravviverei...

      Elimina
    2. Via i brutti pensieri, altrimenti mi metto a piangere anch'io (e guarda che sono in un momento particolarmente fragile!!!)

      Elimina
    3. Hai ragione, non ho pensato che fra i lettori ci sono delle donne incinte...
      Parliamo d'altro...Belen?

      Elimina
  3. E' ordinaria amministrazione, te lo conferma mamma di gemelle!

    RispondiElimina
  4. ecco, Belen la userò anche io nei momenti di difficoltà! Se io già avevo la lacrima facile prima...figurati ora dopo essere diventata mamma!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, guarda, se penso a lei mi viene così da ridere che la tristezza passa!

      Elimina
  5. Vabè, tu parli con una che piange davanti alla pubblicità della pasta asciutta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella della Barilla? Idem.
      E vogliamo mettere tutte le pubblicità che invitano a mandare un sms donando 2€ per questa o quella causa benefica? Per me sono lacrimoni assicurati e sms mandato all'istante...

      Elimina
  6. si...normalissimo....
    hai presente la pubblicità della vodafone della neve e del pupazzo fatto per il bimbo che dormiva???
    bè...io piangevo...sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora non sono l'unica! E mio marito che mi prende sistematicamente in giro!
      Anche se anche lui, da quando è diventato papà...

      Elimina
  7. Vabbè, io ormai piango pure quando a sos tata leggono la lettera alla fine, per dire.
    Comunque è normalissimo, io ormai quei film così non riesco più a vederli, è più forte di me, ho imparato a cambiare sennò non dormo più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che certi film li devo evitare, ma è stato proprio più forte di me...

      Elimina