La mia vita con un po' troppo testosterone per casa...
Ho modificato la grafica del blog. Quella sullo sfondo è l'incasinatissima libreria di casa Piselloni...

lunedì 25 giugno 2012

Ho letto: Coral Glynn


Un libro, particolare, non c’è che dire.
L’ho preso in biblioteca perché mi avevano convinto alcuni commenti entusiastici che avevo trovato in internet.
E l’ho letto anche in poco tempo, cosa strana per me di questi tempi. La storia ti prende pur non raccontando fatti sensazionali. Ma soprattutto quello che più affascina è la scrittura, così semplice e delicata eppure coinvolgente. Perdersi nelle vicende di Coral è un po’ come restare tutto il tempo col fiato sospeso, quasi col timore di provare emozioni prima che le provino i personaggi, aspettando di vedere cosa succede prima di sorridere o commuoversi, come se ogni battito del cuore fosse strettamente legato ad ogni pagina del libro.
Bello soprattutto il fatto, cosa non facile, che lo scrittore, uomo, descriva così bene i sentimenti e gli stadi d’animo della protagonista, una donna.
Lo so, sono stata un po’ contorta, spero di avere almeno un po’ reso l’idea…

Nessun commento:

Posta un commento